martedì 27 settembre 2022

L'eleganza del riccio


 Per anni sono stata la figlia della portinaia, il mio nome Angela, non veniva mai nominato. dai condomini.

Ero una ragazzina fragile perché mia madre, purtroppo non sapeva amare ed  ho impiegato tanto tempo per capire che non ne avevo nessuna colpa. Il problema era solo suo. I vari personaggi che vivevano nel palazzo, pensavano che io fossi una nullità ma non sapevano che amavo leggere e studiare. L'unica persona che mi aveva capita è stata la prima donna critica cinematografica italiana: Gugliemina Setti,  per me la Gu, con la quale avevo stretto una grande amicizia. Tutti gli abitanti di quel lussuoso palazzo, la consideravano una donna strana, solo perché era all'avanguardia. Era alta, magra con occhi cerulei, vegetariana e amante degli animali. La sua presenza nella mia vita mi dava coraggio e speranza nel futuro. Con lei ho potuto visionare tanti film, che riteneva adatti a me, al cinema Palazzo, oggi Sivori  e discutere in libertà qualunque argomento. Frequentavo la terza ragioneria (1967) e la professoressa di italiano ci comunicò che dovevamo leggere un libro a piacere e farne una relazione. Corsi da lei e mi disse: Tutti i tuoi compagni sceglieranno titoli conosciuti, noi prepariamo la recensione di un libro che dovrà stupire la tua insegnante. Si diresse verso le librerie e tirò fuori : Il ragazzo sul delfino, di David Divine, dal quale era stato tratto anche un film.  Fedra è una pescatrice di spugne nei caldi mari della Grecia. Durante un' immersione trova un reperto archeologico (polena) appartenente ad un vascello, che raffigura un ragazzo a cavallo di un delfino. Persone senza scrupoli, sono subito pronte a trafugarlo ma lei si oppone con tutte le sue forze. Preparammo l'elaborato, lo lessi e rilessi e finalmente giunse il giorno dell'interrogazione. L'insegnante mi chiamò e mi chiese che libro avevo scelto. Pronunciai il titolo, i compagni intonarono un brusio e lei rimase a bocca aperta. Iniziai la mia discussione al termine della quale, la professoressa con aria sognante mi disse:  Brava, hai svolto un ottimo e particolare lavoro di questo libro, che ti confesso, non conoscevo. 



Devo molto alla Gu con la quale sono rimasta in contatto fino alla sua morte. Se non mi sono persa lo devo a lei, ai suoi consigli e alla sua complicità e spesso nei momenti di difficoltà mi conforta il suo ricordo.

23 commenti:

  1. Ognuno di noi ha sicuramente incontrato una persona amica che ci ha sollevato in alto.
    Senza un incontro si precipita in basso.
    La tua è una storia magnifica, magnifica come sei nella foto del compleanno.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per le belle parole che mi hai dedicato.

      Elimina
  2. per fortuna che ancor oggi esistono sempre delle brave persone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono fari che ti illuminano la vita e te la rendono meno amara.

      Elimina
  3. Quanto ho amato L'eleganza del riccio.. e la tua storia è davvero singolare e con tante splendide affinità.. sono memorie che non ti abbandoneranno mai le tue, e che hanno contribuito a fare di te la bellissima persona che sei!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Franco per il tuo bellissimo e sentito commento. L'eleganza del riccio per me è la mia immagine riflessa in uno specchio.

      Elimina
  4. Ammetto forse perchè molto reclamizzato non l'ho letto nè ho visto i film. Leggendo il tuo post probabilmente invece merita.

    RispondiElimina
  5. La persona che ci da alla vita, non è scontato che poi ci renda la vita facile...l'incontro con questa donna ti ha dato tante cose e possiamo dire anche affetto e amore, oltre che cultura....sei una bella persona si sente a tatto, vivi più che puoi ogni momento felice e goditelo a pieni polmoni. Auguri e fortuna Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Valeria come stai? mi farebbe piacere avere tue notizie

      Elimina
    2. Sono io Angela mi ha postato come anonimo

      Elimina
    3. Non si riesce ad entrare nel tuo blog. Mi dice che lo possono fare solo il team

      Elimina
    4. Ho avuto dei problemi con il blog ma ora dovrebbe essere tutto apposto mi dispiace ero in ospedale e mnon sapevo nulla, ho dei valori nel sangue che non vanno bene e allora mi hanno ri. Amdato operazione il 19 e sto facendo una cura a base di farmaci per mettere tutto a posto scusa. Prova ma dovrebbe essere apposto grazie

      Elimina
  6. A volte la vita ci regala doni preziosissimi
    Che poi sono persone che vivono vicino a noi

    RispondiElimina
  7. Anche mia madre è una donna impegnativa, lo è anche oggi che mi prendo cura di lei che è disabile, dopo che mi sono dovuta occupare pure di sua madre per tre anni.
    Sei stata fortunata ad avere incontrato quella donna straordinaria e comunque ad aver visto tu stessa, nell'istruzione, un veicolo di emancipazione.

    RispondiElimina