venerdì 17 maggio 2024

La filosofia Kintsugi



In un mondo, nel quale tutto deve essere perfetto e assettico (case, macchine, corpi umani ed oggetti) io sono una sostenitrice del Kintsugi.

Il Kintsugi è un'antica arte o pratica giapponese, che consiste nel riparare oggetti rotti, riunendo i cocci con un collante naturale, che viene mischiato a metalli presiosi come: oro e argento. Il composto ottenuto rimette e tiene insieme i frammenti dell'oggetto, che si è spaccato.

La filosofia che si masconde dietro questa tecnica è così visibile: Le crepe sono lì, in evidenza esposte come cicatrici. Il Kintsugi insegna a rispettare e accogliere ciò che è danneggiato, fragile imperfetto, non solo negli altri, nel mondo, ma soprattutto in noi stessi.

Gli oggetti rigenerati sono la dimostrazione dell'imperfezione, conferendo al manufatto una bellezza unica.

 


Questa borsina mi è stata regalata da una mia paziente. La stoffa con cui è stata realizzata, proviene dagli ombrelli che la tramontana ( vento tipico di Genova) rompe e la gente abbandona per strada.

Per me questo oggetto ha un valore inestimabile, sia per il pensiero gentile ma per ciò che rappresenta:

 Il riutilizzo di materiali scartati che danno vita a nuove creazioni.

domenica 12 maggio 2024

Non ci lasceremo sorvolare.


Ieri ho partecipato alla manifestazione insieme a circa 200 comitati, rappresentanti di tutta la Liguria, contro il Comune e la Regione, che vogliono mettere in pratica progetti faraonici e deleteri per la popolazione.
Diciamo basta ai progetti calati dall'alto. Vogliamo partecipazione e condivisione nelle scelte che condizionano la nostra vita.
Io sono quella sotto la scritta NON



Vogliamo che la salute, l'ambiente e il territorio vengano tutelati. Vogliamo più istruzione, sanità, sevizi pubblici e meno servitù.



Abbiamo protestato contro i progetti di queste costruzioni:
Funivia
Skymetro
Rigassificatore
Tunnel sottomarino
Nuova diga foranea
Depositi chimici.
Il biodigestore
La lotta è dura ma non ci arrendiamo.

domenica 5 maggio 2024

Mio nipote Pietro..


 Caro Pietro, è stato bello trascorrere tanti anni con te: giocando, leggendoti favole, raccontandoti storie inventate al momento o consolarti quando avevi la febbre. A Marzo hai compiuto 14 anni ma non posso scordarmi il giorno in cui da neonato, ho cominciato a prendermi cura di te, quando la tua mamma era al lavoro. Lei lavorava al mattino, io al pomeriggio per cui ci si dava il cambio per accudirti e coccolarti. Il prossimo anno scolastico, inizierai il liceo classico, sei diventato un bellissimo ragazzo non solo fisicamente, anche grazie al basket, ma per come ti comporti, mettendo in pratica tutti i valori che ho cercato di trasmetterti. Oggi sei indipendente, hai meno bisogno della nonna e del nonno ma è sempre un piacere quando vieni a pranzo da noi o suoni il campanello per chiedere, con il tuo amabile sorriso mentre ci abbracci: Come state? Tutto bene? Lo so, come tutti noi stai attraversando un momento molto delicato, per la malattia del tuo papà ma devi essere forte e sperare nella sua guarigione. Noi ti siamo sempre vicini, pronti ogni volta che ne senti il bisogno, ad accoglierti tra le nostre braccia e sussurarti: ti vogliamo un mondo di bene.

martedì 30 aprile 2024

Genova...Che L'inse= VOGLIAMO INCOMINCIARE?


 

L'undici  maggio si terrà una manifestazione regionale, per chiedere che i progetti sul territorio rispondano a logiche di sostenibilità, inclusione e partecipazione e non a interessi privati e logiche estrattive.


 

La funivia che attravera il quartiere del Lagaccio è purtroppo solo uno dei progetti insensati che vengono proposti a Genova e in Liguria: Skymetro in Val Bisagno, rigasificatore di Vado e la nuova diga foranea sono solo alcuni esempi.


 

Genovesi partecipate numerosi perché pensiamo che l’unico modo di far sentire la nostra voce sia l'unione e fare rete con le altre realtà che stanno attuando forme di resistenza organizzata.




VOGLIAMO INCOMINCIARE?

mercoledì 24 aprile 2024

Da Granarolo l'annuncio della LIBERAZIONE di Genova.


Il 26 aprile alle ore 9, Paolo Emilio Taviani, nome di battaglia "Pittaluga"appartenente al cln-liguria, dalla radio di Granarolo, annunciò l'avvenuta liberazione della città: "
                                              "Genova è libera, popolo genovese esulta!"  




L'antenna della radio svetta proprio difronte alla mia abitazione




Per ricordare il fatto storico, il 6 novembre 2013, il comune di Genova posizionò una targa



Nel borgo antico di Granarolo nacque un amico fraterno di Taviani, che fu il primo partigiano d'Italia: Aldo Gastaldi, nome di battaglia "Bisagno." Grazie alla loro collaborazione, Genova fu la prima città d'Italia a liberarsi dal giogo nazista e fascista.



                                                                     Questa mattina 

sabato 20 aprile 2024

Kippah e Keffiyeh.


Posseggo circa 50 cartoline con fotografie scattate da Oliviero Toscani, che trattano vari argomenti di grande impatto emotivo. 
Questa che ho postato è la n° 2893. L'acquistai nel 1986 perché speravo che lo scatto, potesse un giorno avverare il  mio sogno:

La pace e la convivenza tra ebrei e palestinesi 
.
L'immagine mostra due ragazzi in primo piano che guardano l'obbiettivo. Uno  indossa il kippah (ebreo) e l'altro il keffiyeh (palestinese) . Sono seri, si abbracciano e posano le loro mani sul mondo, che  è da tempo memorabile, teatro dei loro dissidi. 
Spero nel più breve tempo possibile che si possa raggiungere una conviveza pacifica in quelle terre martoriate. Conosco ebrei che hanno sposato delle palestinesi e viceversa, che sanno vivere la loro vita in pace, educando i bambini al rispetto dell'altro.

lunedì 15 aprile 2024

LA TREGUA



John Tuturro (Primo Levi)    Rade Serbedzija (Il Greco)

In questi giorni ripenso al film: La tregua. Uscì nelle sale cinematografiche il 14/02/1977. Fu diretto da Francesco Rosi, con la partecipazione di molti attori di rilievo. La tregua è la continuazione del libro di Primo Levi, "Se questo è un uomo" e racconta i mesi del difficile viaggio (27/01/45- 19/10/1945) che dovette affrontare da Auschwtz per tornare a casa, a Torino. Durante questa peregrinazione, Levi incontra Mordo Nahum, un ebreo poliglotta di Salonicco,grande filosofo. con una saggezza concreta. Mi risuona nella mente, forse per l'attualità, la risposta di Mordo a Primo Levi, quando afferma che la guerra era finita. Il greco obbiettando rispose che: "GUERRA  E' SEMPRE" 

 Fu prendendo sul serio e meditando quelle parole, che Levi intitolò il suo libro La tregua, a sottolineare precisamente che «guerra è sempre», quindi non si può dare pace, ma solo, per l'appunto, tregua. La teoria di Mordo Nahum rispecchia una precisa filosofia. E' una visione complessiva del mondo, della natura e della storia umana



Mi auguro con tutto il cuore che le 59 guerre che attualmente sono presenti nel mondo, si trasformino in tregue durature e non si debba vivere l'esperienza di una terza guerra mondiale!

lunedì 8 aprile 2024

FALCIATURA, MORTE DELLA NATURA


                                 Differenza tra prato falciato e prato fiorito spontaneo


Da parecchio tempo, al normale inquinamento acustico proveniente dal porto, si è aggiunto il rumore assordante delle falciatrici a motore. L'ossessione ad avere un prato falciato e sterile è diventata una mania,da parte degli abitanti di Granarolo.

Nessuna di queste persone, si rende conto, che falciando ripetutamente il terreno, arrecano un danno gravissimo alla biodiversità e alla sopravvivenza degli insetti utili all'impollinazione. Al termine della falciatura, si può notare un'ecatombe di specie diverse: farfalle con le ali tranciate, api e grilli decapitati, raganelle e lucertole sbudellate. Vi sentite fieri di perpetuare ogni due o tre settimane questo scempio indiscriminato? Il prato è sempre stato per miliardi di anni la casa degli insetti, la vita della natura. Oggi, grazie a questa mania, si sono estinte 30 specie di api solitarie e di sirfidi. Inoltre l'erba non tagliata, mantiene il terreno fresco ed umido a 19° mentre la temperatura del terreno privato dell'erba, raggiunge i 40.° L'erba lunga piena di fiori, oltre ad ospitare e sfamare uccelli  insettivori come: capinere, cince e pettirossi , permette ai passeri e cardellini di continuare a beccare i semi. 


Mio marito ed io abbiamo costruito  questo rifugio naturale (mandala) per insetti utili. Come potete notare già due canne sono state visitate dalle osmie, eccezionali impollinatrici. che hanno  depositato le uova e chiuso  l'ingresso con del fango.

In alto una di esse sta lavorando alacremente per terminare l'opera.

venerdì 29 marzo 2024

Sono una figlia d'anima.





                                           Maria e Inigo i miei genitori d'anima

Sona nata il 3 ettembre 1952 e come tutti, ho avuto due genitori biologici.
Una madre anafettiva,burbera con problemi neurologici (ai tempi sottovalutati). Ha sempre rifiutato le classiche manifestazioni d'affetto come: abbracci,baci e coccole.Mi sgridava con la sua voce squillante e fastidiosa, anche per un non nulla. Ero una bambina bravissima ma lei coglieva ogni occasione per tarparmi le ali e farmi sentire inadeguata.
Mio padre nato in Francia, aveva un fascino particolare, era delicato e bellissimo.
E' stato un gran lavoratore e non ho mai capito come abbia potuto sopportare e restare accanto a mia madre, fino a 86 anni. Lei morì a 91.
Ho sofferto tanto, anche perchè nella mente di quella bimba spesso spaventata,aleggiava sempre questo pensiero: Se mia madre non mi ama, come posso sperare che qualcuno mi vorrà bene?
All'improvviso accadde qualche cosa d'inaspettato, che cambiò la mia vita.Negli anni 50, la famiglia era composta da più elementi ed un giorno, forse per volere di mio padre, vennero a vivere con noi zia Maria, sorella di mio papà,una donna dolcissima e suo marito Inigo, toscano doc, che divenne la mia enciclopedia vivente. Grazie alla  comprensione, all'affetto e alla dedizione nei mie confronti, sono nata una seconda volta: ero la loro figlia d'anima e con il loro affetto, hanno impedito che diventassi una donna: "monca d'amore"e  incapace di donarlo.
L'altro fatto, che definisco fortunato e meraviglioso, è stato l'incontro con Pino, un ragazzo serio che pur giovanissimo lavorava  già in fabbrica. Ci sposammo e con lui cominciai una nuova e serena vita. Quest'anno ad ottobre festeggeremo 55 anni di matrimonio.
Sono diventata madre di Francesca e nonna di Pietro, ai quali non faccio mai mancare il mio immenso amore.

Mi permetto di dare un consiglio alle giovani donne che desiderano avere un figlio:
Ricordate sempre che senza l'amore materno, il cammino di un bimbo sarà sempre  arduo,in salita, con meno capacità di gestire le emozioni e la pura dell'abbandono.  

Come potete notare, ho 72 anni ma quel dolore è sempre con me.

mercoledì 27 marzo 2024

Era denominata: LA SUPERBA ora è la SUPER INQUINATA.


 Il degrado di Genova, ha raggiunto livelli insopportabili. Il quotidiano via, vai delle gigantesche navi da crociera, ammorbano l'aria con i loro fumi neri e rendono invivivile la vita dei residenti. Si parla continuamente di porti elettrificati ma non si progetta niente.  Respirare tutti i giorni le polveri sottili, lo zolfo e diossido di carbonio, hanno fatto aumentare i tumori polmonari e i linfomi all'ennesima potenza.  Due giorni fa, all'Ist dell'ospedale San Martino, c'erano 350 persone in attesa di sottoporsi alla chemioterapia. In questa settimana, si è alzata forte la voce dell'ex procuratore del tribunale di Genova, il dottor Francesco Cozzi, ora difensore civico della regione liguria. E'intervenuto in qualità di garante per il diritto alla salute e ha "strigliato" le autorità portuali. Chiede di avviare al più presto il piano di programmazione per il controllo della qualità dell'aria e rispettare le direttive europee per 
elettrificazione del porto, entro il 2025. Per la cronaca qualche anno fa, il porto più inquinato d'Europa era quello di Barcellona, oggi si contendono il primato Napoli e Genova.
Questo primato si aggiunge ad altri.
La metropolitana più corta del mondo
Il traffico più lento d'Europa.
Una città metropolitana con due strade e tutte dissestate
Il capoluogo più caro per l'acquisto di alimentari.
La non presenza di spiagge libere ecc ecc ecc.
L'impossibilità per i residenti di passeggiare per le vie, ormai invase da migliaia di turisti.
Aspetto con ansia da parte dell'amministrazione comunale,che ha un occhio di riguardi solo per le classi agiate e per il turismo di massa, che impedisca ai genovesi di usare il: " MUGUGNO".