sabato 20 agosto 2022

L'incudine di Thor.


Tre giorni fa ho aperto la finestra e mi sono trovata davanti agli occhi questa  meraviglia. E' un cumulonembo, denominata incudine. Nei cumulonembi possono essere presenti fulmini e dar vita a fenomeni precipitativi sotto forma di rovesci e temporali, come in seguito si è verificato, provocando danni alle persone e alle cose. Questa ciclopica nuvola, dopo trenta minuti si è trasformata in mille pecorelle.  Questo repentino cambiamento mi ha fatto pensare alla vita e al nostro essere di passaggio. Facciamo tanta fatica a costruire e poi in un attimo tutto finisce. Come asserisce  Luca Mercalli, questa è la filosofia delle nuvole e forse è per questo che avere la testa nelle nuvole non è sempre un difetto.



Nubi

Non vi sarà mai cosa che non sia
una nube. Lo son le cattedrali
di vasta pietra e bibliche vetrate
che il tempo spianerà. Lo è l’Odissea,
che cambia come il mare. Se la riapri
sempre cambia qualcosa. Anche il riflesso
del tuo viso è già un altro nello specchio
ed il giorno è un dubbioso labirinto.
Siamo chi se ne va. La numerosa
nuvola che si disfa all’occidente
è nostra effigie. Incessantamente
la rosa si tramuta in altra rosa.
Sei nuvola, sei mare, sei l’oblio.
Sei anche tutto quello che hai smarrito.
Jorge Luis Borges

8 commenti:

  1. se arrivano nuvole spinte dallo scirocco, pioverà merda di cammello e le auto diventeranno giagnognole

    RispondiElimina
  2. Anche le tempeste più grosse alla fine passano, in effetti.
    Bella la foto e bella poesia.
    Ciao Angela

    RispondiElimina
  3. Profonda riflessione supportata dalla poesia che ci proponi. Vero. Per tutta la vita ci diamo da fare per costruire qualcosa che potrà finire in un attimo...ma questa è la vita e non possiamo fare altrimenti.

    RispondiElimina
  4. Non conoscevo questo fenomeno metereologico, ma la riflessione che ti ispira è molto interessante, pone tanti interrogativi.

    RispondiElimina
  5. A me ha fatto pensare a come a volte non tutto quello che appare è poi quello che è davvero e come tutto può cambiare in una frazione di secondo.

    RispondiElimina
  6. grazie, non l'avevo mai visto.....quest'anno poi il mare mi manca in ogni sua forma,,,,se riuscirò ad andare dal mattino alla sera me lo godrò come una bambina che fa castelli di sabbia e giravolte nel acqua. per svariare la mete...di tutti noi...e se non sarà possibile guarderò le tue foto Grazie

    RispondiElimina
  7. Anche qui, in Appennino emiliano, qualche giorno fa vidi una grande incudine, al di là del crinale, nei cieli della Toscana. Dopo poco tempo iniziò una forte fulminazione, spettacolo terribile e violento!
    Na non era bella e netta come questa sopra.

    RispondiElimina